La città di Palermo ha cambiato spesso nome nel corso delle epoche:
Zyz (la “z” va pronunciata come “s” sonora) (che in fenicio significa il fiore): il nome non è accertato, ma molte monete provenienti da Palermo di periodo punico portavano la dicitura Zyz e visto che Palermo era una delle tre città puniche della Sicilia (Tucidide, VI, 1-5) molto probabilmente aveva una propria zecca.


Il nome sembrerebbe derivare dalla conformazione della città che tagliata da due fiumi ricordava il profilo di un fiore.
Panormos (dal Greco παν-όρμος, tutto-porto): i Greci chiamavano Palermo così perché i due fiumi che la circondavano (il Kemonia e il Papireto) creavano un enorme approdo naturale.


Il Kemonia (chiamato anche Fiume del Maltempo), è un torrente che attraversa Palermo scorrendo quasi del tutto interrato sotto il suolo della città. Attualmente il corso d’acqua è stato deviato, verso il fiume Oreto.
Il Papireto o torrente Danisinni è un fiume a carattere torrentizio che scorreva a Palermo.
Insieme al fiume Kemonia delimitava la prima Palermo punica, era il fiume d’Occidente.


A causa dell’utilizzo come fogna a cielo aperto le acque del fiume erano molto inquinate e di conseguenza rendevano l’aria poco salubre, per questo motivo in periodo borbonico presso le sue rive vi si costruiva esclusivamente edilizia povera e nello stesso periodo iniziarono le opere di interramento del corso d’acqua.


Attualmente scorre ancora sotto alcune strade cittadine ed è denominato canale Papireto; a differenza del Kemonia, il cui corso è stato deviato verso il fiume Oreto, il Papireto arriva autonomo fino al mare.
Il corso originale del fiume è identificabile, in parte, nell’odierna via Porta di Castro.
Questo nome andò diffondendosi grazie al rafforzamento dell’influenza greca sull’isola.


Panormus: i Romani mantennero, con una lieve modifica di pronuncia, la denominazione greca con la quale avevano conosciuto la città.
Balarm: il nome arabo della città è un semplice cambiamento di pronuncia del nome precedente.
Balermus: evoluzione del precedente nome sotto il periodo normanno.
Palermo: il nome definitivo della città che viene acquisito in età moderna.